alert-erroralert-infoalert-successalert-warningbroken-imagecheckmarkcontact-emailcontact-phonecustomizationforbiddenlockedpersonalisation-flagpersonalizationrating-activerating-inactivesize-guidetooltipusp-checkmarkusp-delivery-cashusp-delivery-delayusp-delivery-eveningusp-delivery-same-dayusp-delivery-storeusp-deliveryusp-exchangeusp-free-returnsusp-gift-cardusp-klarnausp-salearrow-backarrow-downarrow-left-longarrow-leftarrow-right-longarrow-rightarrow-upbag-activebag-inactivecalendar-activecalendar-inactivechatcheckbox-checkmarkcheckmark-fullclipboardclosecross-smalldownloaddropdowneditexternal-linkfilterfullscreenhamburgerhd-filledhd-outlinehide-activehide-inactivelocate-targetlockminusnotification-activenotification-inactivepause-outlinepin-smallpinplay-filledplay-outlineplusprofilereloadsd-filledsd-outlinesearchsharesound-off-filledsound-off-outlinesound-on-filledsound-on-outlinesubtitles-cc-filledsubtitles-cc-outlinesubtitles-filledsubtitles-outlinewishlist-activewishlist-inactivezoom-outzoomfacebookgoogleinstagram-filledinstagrammessengerpinterestruntastictiktok-defaulttiktoktwittervkwhatsappyahooyoutube
Vai ai contenuti principali
Aiuto Cambi & Resi STATO DELL'ORDINE adiClub Accedi
adidas
/ aprile 2022

COME OTTIENE RISULTATI IL GRUPPO TINMAN ELITE

Due giorni, sei località e tanta corsa. Sul set con il gruppo Tinman Elite, ne abbiamo scoperto la mentalità, l’amore per il buon cibo e per cosa si sentono grati.

È iniziata una nuova stagione di gare e il running sa quante volte sei uscito a correre durante l’inverno. E anche il gruppo Tinman Elite lo sa. Ecco perché si dedicano a qualcosa di poco affascinante: accumulare chilometri. Poco importa se in montagna o in pianura, poco importa il clima o il terreno. Per gli scatti della nuova collezione adidas x Tinman Elite a Boulder, in Colorado, abbiamo seguito le orme della squadra e cercato di capirne un po’ meglio la mentalità.



PARTIAMO DALL'INIZIO

Partiamo dall’abitazione di Drew Hunter, padre fondatore del team che ora è dotato della nuova Takumi Sen 8, SL20.3 e adizero avanti, senza dimenticare, ovviamente, una deliziosa colazione.

"Questo è meglio del cenone di Natale”. - Brian Bazzara, runner Tinman Elite"

Dopo la preparazione, il team scende “in pista” per dare il via al primo giorno di produzione. Qui, l'allenamento della squadra viene subito messo alla prova. Dopo alcuni intensi giri con la Takumi e la SL20.3, è il momento di provare quella con le punte, di cui Aaron Templeton, membro del team, si mostra entusiasta, nonostante la stanchezza già accumulata. L'eccitazione è ancora più grande quando arriva l’ora di pranzo. "Questo è meglio del cenone di Natale", dice Brian Bazzara, runner TME.

“È perfetta, sembra così leggera”. - Aaron Templeton, runner Tinman Elite"

Grazie alle energie dell'abbondante pasto, il team lascia i circuiti familiari per intraprendere un allenamento in salita. All’arrivo a Tinman Hill, l’attrezzatura è pronta. “È perfetta, sembra così leggera”, risponde Aaron a chi chiede le sue impressioni sulla Takumi Sen 8. Ben equipaggiato, il team inizia a percorrere le polverose strade del Colorado, impegnandosi, tentativo dopo tentativo, a raggiungere l'obiettivo in gruppo.

running-ss22-tinman-elite-launch-blog-post-02-d-t


ATTEGGIAMENTO E PROSPETTIVA

La mattina successiva, a Tinman Hill, cerchiamo di capire meglio cosa animi la mentalità del gruppo. "Non posso dire che ero felice", dice Aaron parlando della sveglia che ha suonato presto quella mattina. Poi continua osservando: "Avrebbe potuto trattarsi di una sveglia all'alba per andare a lavorare in ufficio a Denver, invece sono qui circondato dalle montagne, da un team di produzione e ci stiamo divertendo. Quindi: atteggiamento, prospettiva".

“Proviamo ancora una volta”. - Joan Hunter, allenatore TME

E questo atteggiamento viene a galla quando la squadra continua a impegnarsi nel secondo giorno di produzione. Anche quando il tempo inizia a cambiare, non si fermano e raggiungono un ritmo di 5:40. "È stato pazzesco. Assolutamente pazzesco”, dice Aaron. E subito dopo arriva l’incitazione dell'allenatore TME, Joan Hunter: "Proviamo ancora una volta".

running-ss22-tinman-elite-launch-blog-post-03-d-t

LE PAUSE NON DURANO MOLTO

E ancora una volta, mantenendo sempre il ritmo, prima che la squadra si prenda una meritata pausa al Dot's Diner. Ma la pausa non dura a lungo, perché il team lo sa e anche il running lo sa. Quando ci si mette d'impegno, si ottengono sempre risultati, altrimenti sarà sicuramente un fiasco.

Quindi la squadra è partita per Nederland, in Colorado, per testare la nuova attrezzatura con una temperatura sotto lo zero. Più e più volte il team avanza sul terreno ghiacciato. L'atteggiamento resta imperturbabile, anche quando viene loro offerta una via d'uscita. "Quando vediamo di nuovo Dot's Diner, allora abbiamo finito", dice Connor Winter, runner Tinman Elite di Boulder, riassumendo la mentalità di impegno della squadra. Una mentalità che si basa su un semplice fatto: il running sa che cosa (non) hai fatto durante l’inverno.

Quindi la squadra è partita per Nederland, in Colorado, per testare la nuova attrezzatura con una temperatura sotto lo zero. Più e più volte il team avanza sul terreno ghiacciato. L'atteggiamento resta imperturbabile, anche quando viene loro offerta una via d'uscita. "Quando vediamo di nuovo Dot's Diner, allora abbiamo finito", dice Connor Winter, runner Tinman Elite di Boulder, riassumendo la mentalità di impegno della squadra. Una mentalità che si basa su un semplice fatto: il running sa che cosa (non) hai fatto durante l’inverno.

running-ss22-tinman-elite-launch-blog-post-04-d-t

ANCHE TU VUOI RACCOGLIERE I RISULTATI?

Esplora la nuova collezione ed entra nella mentalità del gruppo di runner. Grazie a tre modelli per ogni tipo di terreno, questa collezione è pensata per chiunque voglia mettere alla prova il proprio allenamento.

/ aprile 2022